Seleziona Pagina

Lost Girls

Lost Girls
Titolo: Lost Girls
Poster:
Lost Girls
Data di uscita: 2020-03-13
Durata: 95 minuti
Genere: Drama, Mystery, Thriller
Budget: Dato non disponibile
Titolo in lingua originale: Lost Girls
Voto (1-5 Stelle): ⭐⭐⭐⭐


Liz Garbus, la premiata documentarista dietro a film come “What Happened, Miss Simone?”, fa il suo debutto alla regia narrativa con il potente “Lost Girls”, un esame emotivo di uno dei più famosi casi irrisolti dell’era moderna. Quando i registi di saggistica si rivolgono alla regia di attori, spesso si perde qualcosa nel processo, ma Garbus si dimostra naturale nel passaggio, disegnando una delle migliori interpretazioni della carriera della grande Amy Ryan. Avendo letto il libro e sapendo molto sul caso, ero scettico sul fatto che questa tragedia potesse trasformarsi in un dramma efficace, ma Garbus c’è l’ha fatta, prendendo decisioni intelligenti ad ogni svolta e trovando un filo conduttore in una storia che tecnicamente non ha ancora un finale.

Le chiamate al 911

Il modo in cui lo fa è concentrandosi su Mari Gilbert (Amy Ryan), una madre di Ellenville la cui vita diventa un incubo ad occhi aperti quando la figlia Shannan scompare. Era il maggio del 2010 quando Shannan Gilbert è semplicemente scomparsa. Le chiamate della sorella (Thomasin McKenzie) sono rimaste senza risposta e si è scatenato il panico quando la polizia ha rivelato a Mari che Shannan aveva chiamato il 911 da Oak Beach la sera prima. Anche se Shannan era nel panico e sembrava che stesse scappando, le autorità non si sono fatte vedere per quasi un’ora. Shannan se n’era andata. E questo era solo l’inizio di quello che Garbus rivela nei primissimi fotogrammi è ancora un caso irrisolto.

Lost GIrls Amy Ryan

Quello che è successo dopo ha trasformato la storia di una giovane donna scomparsa in qualcosa che ha ossessionato i veri fan del crimine per anni. Mentre cercava Shannan, è stato trovato un corpo in un sacco, ma non era Shannan. E nemmeno il corpo successivo era Shannan, è stato trovato al largo di Ocean Parkway in un sacco. O il successivo. Quattro corpi sono stati trovati dall’inizio dell’indagine, facendo pensare a un serial killer, che uccideva le prostitute e le scaricava in dei sacchi. Al termine dell’indagine, sarebbero stati scoperti più di dieci corpi, compreso quello di Shannan, anche se il suo caso è stato spesso considerato separato dagli altri. È molto probabile che la scomparsa e la morte accidentale di Shannan Gilbert abbiano portato alla scoperta di un serial killer, o che lei stessa sia stata una vittima. Non lo sappiamo ancora con certezza. Potremmo non saperlo mai.

Donne scomparse

Molti registi avrebbero affrontato questo caso come un procedimento, concentrandosi sulle prove, sulle storie contrastanti, sulle teorie di cospirazione e su altri dettagli del caso. Questo non è “Lost Girls”. Semmai, Garbus e lo sceneggiatore Michael Werwie puntano il dito contro le autorità – rappresentate dai personaggi interpretati da Dean Winters e Gabriel Byrne – e li accusano non solo di incompetenza ma anche di mancanza di preoccupazione perché le donne scomparse erano prostitute. Mari sapeva cosa stava facendo sua figlia, e forse le piaceva anche il flusso di denaro extra che la figlia guadagnava da una professione pericolosa.

Concentrandosi sulla lotta di Mari per ottenere l’attenzione necessaria a risolvere il caso della figlia, “Lost Girls” trova il suo filo narrativo. È incredibilmente difficile costruire un’azione crescente in un caso che rimane irrisolto, ma sentiamo la crescente frustrazione di Mari e il sospetto di alcuni dei protagonisti di Oak Beach, tra cui un medico inquietante interpretato da Reed Birney. Non tutti i fili funzionano: Lola Kirke interpreta una giovane donna che torna a prostituirsi e il tentativo di Mari di salvarla perché non è riuscita a salvare la sua stessa figlia mi è sembrato un po’ manipolativo. E Kevin Corrigan si sente più un complotto che un personaggio, qualcuno che punta il dito contro il principale sospettato.

Temi social in Lost Girls

Nel modo più efficace, Garbus permette ai temi sociali di “Lost Girls” di crescere organicamente attraverso la passione delle madri e delle sorelle che hanno perso i loro cari. In una delle scene di maggiore climax del film, Mari si reca in una comunità e la gente del posto chiama la polizia. I poliziotti arrivano lì “in meno tempo di quello che ci vuole per fare un panino”, ma non sono riusciti ad arrivare quando sua figlia ha chiamato il 911? Il fatto è che i tempi di risposta sono diversi per i ricchi proprietari di case sulla spiaggia rispetto alle prostitute. E finché questo rimarrà, persone come il Long Island Serial Killer continueranno a farla franca con l’omicidio. E anche se questo non è un altro documentario della Garbus, lei ha fatto un film con tutto il potere della grande narrazione non-fiction, e ha trovato un modo per far sì che il messaggio emotivo di questa storia colpisca in un modo che altrimenti non sarebbe stato possibile.

Lost Girls Trailer

Circa l'autore

Alessandra Moretti

Mi chiamo Alessandra e sono appassionata di film di tutti i generi, adoro anche la musica. Sono laureata in scienze della comunicazione. Nel tempo libero amo dedicarmi alla danza.